"Uniti si vince, divisi si perde": lettera del presidente Donald Tusk ai 27 capi di Stato o di governo dell'UE sul futuro dell'UE

31 gennaio 2017 0 commenti

"Uniti si vince, divisi si perde": lettera del presidente Donald Tusk ai 27 capi di Stato o di governo dell'UE sul futuro dell'UE prima del vertice di Malta

3 sono i pericoli per l’Europa:

  • la nuova situazione geopolitica mondiale
  • l’aumento di sentimenti nazionalisti e xenofobi nei Paesi UE
  • l’atteggiamento delle élite pro-europee, troppo scettiche su una maggiore integrazione e troppo inclini a cedere a messaggi populisti

L’Europa nasce con l’obiettivo di porre fine alle tragedie del ‘900 e possiamo dire che ci è riuscita, gli ultimi 60 anni sono stati i migliori della millenaria storia europea. Non è vero che distruggendo l’UE si tornerà a un’età mitica in cui gli Stati erano forti e prosperi, torneremo solo a essere subalterni alle grandi potenze, con le quali oggi possiamo invece parlare alla pari. Dobbiamo essere orgogliosi dei risultati raggiunti.

Ma dobbiamo intervenire per rendere più sicura la vita dei cittadini europei (sia da un punto di vista economico e sociale, sia per quanto riguarda il tema della difesa) e per estendere i rapporti globali fondati sullo stato di diritto.

United we stand, divided we fall





ALESSIA MOSCA
Membro del parlamento europeo