Una casa degna dell'uomo

12 dicembre 2016 0 commenti

“Si tratta di rendere l'Europa una casa degna dell'uomo”. Intendendo con “Uomo”, il genere umano, la persona. 

È una frase del cardinale Roger Etchegaray, tratta da una sua omelia del 2004. Per questo nuovo sito, ho voluto utilizzarla come benvenuto ma anche come chiave interpretativa del mio lavoro e soprattutto del lavoro che vorrei facessimo tutti insieme: costruire l'Europa. O meglio, ricostruire, partendo da quello che c’è ora, ossia le regole che disciplinano il funzionamento di una comunità, e realizzare un progetto più grande: una casa.

La casa è un’immagine che evoca accoglienza. Un valore importante, per l’Europa contemporanea, meta di popoli scappati dalle proprie, di case, che le guerre hanno loro portato via.

“Casa” significa sicurezza, il luogo dove trovare rifugio quando il mondo fuori ci spaventa, ma racconta anche una storia di partecipazione, di una comunità dove ognuno è chiamato a svolgere la propria parte e ha diritto a partecipare alle decisioni che riguardano tutti. 

Casa è il posto da dove ognuno di noi parte per esplorare il mondo, per interessarsi a esso.

Una casa ha dei muri, certo, ma ha anche delle porte.

L’omelia del cardinale Roger Etchegaray sottolinea: “Non si tratta tanto di guardare fin dove costruire le mura dell’Europa, è l’uomo stesso, oggi, a essere circondato da muri; e noi dobbiamo aiutarlo ad abitare un’Europa nella quale egli possa assumere la sua statura vera, grazie ai valori spirituali attraverso i quali l’uomo diventa pienamente tale”.

Dobbiamo costruire una casa degna delle persone che la vivranno.

Questo significa creare le condizioni economiche per le quali ognuno possa provvedere a sé e alla propria famiglia. Sostenere le aspirazioni dei più giovani e dare loro l’opportunità di realizzarle. Significa che ognuno ha dei diritti, che devono essere tutelati, come anche dei doveri: vivere insieme è rispetto reciproco. 

 

Dignità è preoccuparsi dell’altro. L’Unione Europea ha un ruolo fondamentale nella creazione di condizioni di vita migliori, anche al di fuori dei suoi confini: non essere all’altezza di questo ruolo significa non essere degni. Nei momenti di crisi la prima tentazione è quella di chiudersi a riccio. La “casa europea” non è isolata, è nel mondo e partecipa al mondo.

Nel mio sito troverete una sezione principale, che ho chiamato “I miei temi”, dedicata alle politiche nelle quali investo la maggior parte delle mie energie: quella commerciale, le politiche di genere, la politica sul digitale. Qui ci saranno gli approfondimenti e anche le schede esplicative, che normalmente carichiamo su Scribd. Il mio obiettivo è di rendere la politica europea accessibile.

Nella sezione “Notizie” troverete le mie opinioni, ma anche alcune informazioni utili relative all'attualità europea e italiana.

Dentro la mia agenda sono inseriti non soltanto i miei appuntamenti pubblici ma anche le mie riunioni di commissione, di gruppo e qualunque altro tipo di attività parlamentare su cui, a mio modo di vedere, è importante che i cittadini siano informati. Dentro ogni singolo appuntamento inserirò, dove possibile, il link attraverso cui seguire la diretta streaming.

Infine, nella sezione “Media” è stato creato un archivio con la mia rassegna stampa, mentre in “Chi sono” trovate qualche informazione su di me e sul percorso che mi ha portato qui.

Spero che questo nuovo sito sia soprattutto utile, quindi vi invito a usarlo e a sfruttarlo. Sarò felice di leggere le vostre opinioni su cosa abbiamo fatto bene e cosa potremmo fare meglio: potete scrivermi una email a email@alessiamosca.it

Buona navigazione!

Alessia



ALESSIA MOSCA
Membro del parlamento europeo