Commercio Internazionale

Al Parlamento europeo sono membro della Commissione commercio internazionale (INTA).
Il commercio con i Paesi terzi è una delle maggiori opportunità di crescita economica, in un'Unione Europea dalla domanda interna ancora rallentata dalla passata crisi. Ma non solo: è anche uno dei veicoli più efficaci per condividere con il resto del mondo standard e valori europei, per chiedere la realizzazione dello Stato di diritto e la tutela dei diritti umani. Per dare vita a una nuova globalizzazione, dove nessuno venga lasciato indietro.

Governare la globalizzazione: le mie riflessioni sul documento della Commissione Europea

Il 10 maggio, la Commissione europea ha pubblicato un documento di riflessione sulla globalizzazione, “la gestione della globalizzazione”. Esso si inserisce in un più ampio momento meditativo, avviato lo scorso marzo, sulle sfide, interne ed esterne, che l’Unione europea si trova ad affrontare. Un serio dibattito sul futuro dell’Ue non poteva esimersi dal considerare le diverse facce della globalizzazione...

Continua a leggere →

Il commercio nel settore del tessile: serve un'iniziativa-faro europea a tutela dei diritti dei lavoratori di tutto il mondo

  Sette anni fa, il 24 aprile 2013, il crollo di una fabbrica tessile in Bangladesh causò la morte di 1129 persone e il ferimento di altre 2500. Il cedimento strutturale del Rana Plaza, questo il nome del complesso, è il peggiore incidente letale nella storia dell’industria tessile. La tragedia ha finalmente risvegliato la coscienza collettiva in occidente e gettato luce su un complicato sistema economico che, in..

Continua a leggere →

Uzbekistan: il caso del lavoro minorile e il soft power europeo

Negli ultimi anni, l’attenzione mediatica sulla politica commerciale europea è cresciuta notevolmente. Il CETA, l’accordo fra Ue e Canada, e il TTIP, i negoziati con gli Stati Uniti, hanno riempito le pagine della stampa specializzata e sono riusciti a conquistare titoli sensazionalisti sui principali quotidiani europei. L’attenzione dei cittadini e della società civile su una materia trascurata nel passato è sempre una buona notizia. Il dibattito, però, si è da..

Continua a leggere →

L’accordo con la Corea del Sud raccontato da tre storie di successo

L’attenzione mediatica sugli affari europei, questa settimana, si è concentrata sulla ratifica del CETA, l’accordo commerciale con il Canada, di cui anche io ho avuto modo di parlarvi in modo approfondito. Uno degli argomenti più utilizzati in suo sostegno sono stati i risultati dell’accordo fra Ue e Corea del Sud. Come spesso accade, però, di questa storia di successo se ne è parlato scarsamente e, di certo, l’argomento non è..

Continua a leggere →

Da Strasburgo: la discussione sui torture goods

L'Unione Europea lotta contro la tortura e la pena di morte con ogni mezzo a sua disposizione, compresa la politica commerciale. Che, da ieri, è un arma ancora più affilata. Ecco il mio intervento in aula prima del voto sulla relazione che vieta il commercio di beni che possono essere utilizzati a scopo di tortura o pena capitale. Ho preparato anche una scheda che riassume contenuti e contesto.

Continua a leggere →

Da Strasburgo: il voto per la risoluzione tra UE e Pesi ACP

Oggi abbiamo votato una relazione sui rapporti fra l'UE e i Paesi ACP (Africa, Caraibi e Pacifico). Questo gruppo di 79 Paesi, dove è concentrato l´80% della povertà mondiale, si caratterizza per una comune eredità coloniale europea. Dalla sua fondazione, l'Unione intrattiene con questi Stati un rapporto speciale regolato dal cosiddetto "accordo di Cotonou". Riconoscendo la propria responsabilità storica e l'obiettivo di eradicare la povertà a livello mondiale, l'UE ha..

Continua a leggere →